giovedì 24 dicembre 2015

NEVER END PEACE AND LOVE

Seduto a bere tè nero al tavolo di un rifugio, la mattina del quinto giorno, osservo un uomo che recita le sue preghiere davanti al profilo del Machapuchare, la montagna a coda di pesce che domina questa valle. L'uomo brucia il rametto di un sempreverde sotto una fila di panni colorati e mormora qualche parola a bassa voce, forse l'Om mani padme hum che sento cantilenare dai portatori sul sentiero. Il rametto manda un fumo denso, dall'odore familiare, e io sto pensando che ogni gesto di questo mio viaggio è diventato un rito, una ripetizione tranquilla: aprire gli occhi all'alba, arrotolare il sacco a pelo, issare lo zaino in spalla, mettermi in cammino. E poi il tè che mi fermo a bere nei villaggi, il sapore amaro che mi lascia in bocca per ore. E le canzoni di montagna che canto quando la salita si addolcisce, e che un'altra persona, a casa, forse sta cantando con me. Lei ha gli occhi chiari come l'acqua, e i capelli tutti dritti e senza groppi. Mi alzo. Prima di proseguire mi fermo a osservare il rametto spento che l'uomo ha posato su una pietra. Tra gli aghi bruciati c'è una bacca nera e ora riconosco l'odore che sentivo, quello del ginepro che i pastori, da me, incendiano in primavera perché non infesti i pascoli. Cosa importa se ho le scarpe rotte? Io ti guardo e mi sento il cuor contento.


Da cinque giorni ormai risalgo questa valle senza strade, meravigliato dall'esistenza di una civiltà che non conosce l'uso dei mezzi a motore. Novembre è mese di raccolto e fino ai duemila metri ho camminato tra le risaie: ho visto mietere e trebbiare a mano, rivoltare con i piedi il riso al sole. È un viaggio nel tempo per me, questo, prima che nello spazio, come se fossi tornato alle mie montagne di cinquanta o settant'anni fa, e potessi vedere i campi terrazzati prima che il bosco se li riprenda, le case di legno e pietra prima che siano ruderi, gli attrezzi dei contadini prima che, appesi ai muri delle baite, diventino cimeli di cui non sappiamo più il nome. In confronto alla meraviglia che tutto questo mi provoca, i ghiacciai in fondo alla valle sono solo una splendida scenografia. L'Annapurna, il Dhaulagiri, lo Hiunchuli, il Machapuchare, cime di sette e ottomila metri, mi colpiscono meno di una donna nei campi, che lega fasci di spighe spessi come un pugno, o delle gerle cariche dei portatori davanti a me. Io li seguo in silenzio cercando di assumerne il ritmo, la camminata leggera. Uno mi riconosce, dopo due giorni che facciamo la stessa strada, e mi saluta nelle soste, quando posa la gerla e si leva dalla fronte la fascia sudata che sostiene il carico. Nel bosco lo vedo cogliere una pianticella che mi pare un germoglio d'ortica - questo è strano, perché per i buddisti strappare una pianta è grave quanto maltrattare un bambino - e solo più avanti mi spiego come mai: c'è un piccolo tempio lungo il sentiero e il portatore posa il germoglio tra altri fiori, suona una campanella, mormora il suo mantra. Om mani padme hum, dice il mio amico. E io rispondo: Hai mai visto la chiesetta di Transacqua? Col Cimon della Pala sopra i coppi, oh! Mi lecco le dita per non pungermi, raccolgo un'ortica e la poso lì anch'io.


Ieri mattina abbiamo superato l'ultimo villaggio, Chomrong, un centinaio di case sparse tra le risaie, i campi di miglio, i cavalli, le galline, qualche bue solitario, i cani randagi. Dopo un lungo ponte di corda la valle del Modi Khola ha cominciato a farsi stretta e scoscesa come una gola. Un cartello annunciava che stavamo entrando in terra consacrata: da lì in poi era vietato uccidere animali e non avremmo trovato più carne nei rifugi. Ma questo era ieri. Oggi che sono altri mille metri più su, e da un pezzo non ho mangiato che riso e verdura, il paesaggio cambia di nuovo. Il bosco di querce e rododendri si riduce d'altezza fino a un rado canneto di bambù. Cascate sottili, altissime, cadono lungo pareti di roccia nera, le tagliano come lame d'acqua. Le frane crollate nella stagione dei monsoni segnano i fianchi della valle, e in qualche punto lungo le loro scie sgorgano i torrenti sepolti. Io sento l'avvicinarsi dell'alta montagna come un lento entrare in territori conosciuti: e quando infine anche il bambù scompare, e cammino tra le pietraie e la brughiera dei tremila metri, mi sembra di fare il sentiero che percorro mille volte in estate, dalla baita ai laghi e ritorno, verso sera. Che cosa significa questa sensazione? Può darsi che in qualunque montagna del mondo, alla quota in cui il bosco finisce, io mi sentirò così? Qui non ci sono camosci e stambecchi ma le pecore azzurre dell'Himalaya che pascolano in alto, sui dirupi. Alzando gli occhi a cercare loro vedo per la prima volta tracce di neve. Contro il cielo, un volo scomposto di corvi neri e uno più alto ed elegante, un'aquila forse, o un avvoltoio. Si rannuvola, intanto. La morena glaciale comincia qui, a tremila e cinquecento metri, s'inerpica e piega tutta a occidente, e il sentiero la segue docile nella neve. La fine di quella morena sarà anche la fine della mia salita.


C'è una strana nitidezza, una qualità rara di concentrazione, che si raggiunge dopo avere camminato così tanto. Io credo sia per questo che vado in montagna. È proprio come il bosco che si dirada, la gente intorno che scompare, l'aria che perde i profumi d'erbe e sa ormai solo di roccia e neve: anche il pensiero diventa una cosa rarefatta e pulita. Ora so che cosa c'è al campo base dell'Annapurna. Un cumulo di pietre a quattromila metri, e file di panni di preghiere che si agitano nel vento. Davanti, sotto, ai piedi della morena, l'immenso solco del ghiacciaio in ritiro, vecchio ghiaccio grigio coperto di detriti. Poi il tormento dei seracchi e la parete sud dell'Annapurna: ottomila metri di montagna con il nome della dea della fertilità. Ora ci sono proprio sotto, come al cospetto di una cattedrale. È questo che sono venuto fin qui a cercare? La gente come me ha lasciato biglietti di ogni tipo tra le pietre, e mentre mi aggiro sulla morena, cercando un senso alla fine di questo cammino, calpesto senza volerlo uno di quei messaggi. Lo raccolgo e vedo che è una foto in bianco e nero, avvolta in un foglio di plastica che non l'ha protetta dalla pioggia. Nella foto, già abbastanza rovinata, un uomo coi baffi e un lungo cappotto cammina a braccetto di una donna, lei con un'acconciatura d'altri tempi, in un viale trafficato di città. Sorridono. Avranno una trentina d'anni. Hanno addosso l'euforia delle coppie che si sono innamorate da poco e io penso che potrebbero essere in viaggio di nozze. Capovolgo la foto e trovo una scritta in francese: Alla memoria dei miei genitori - Parigi 1954. Poi sollevo un grosso sasso e ce la sistemo sotto, al sicuro.


Di sera i portatori stanno per conto loro in una baracca accanto al rifugio. Sento nell'aria il profumo dell'hashish che qualcuno sta fumando per festeggiare. Mi guardo in giro, il fumatore è un americano con i capelli lunghi. Porta una felpa in cui la parola Nepal compone la frase: Never End Peace And Love. Sono sempre contento di scoprire che l'hippy non è morto. Io invece leggo un libro in cui si dice questo: che non sai mai chi sarà il tuo prossimo maestro, magari è nascosto proprio nella persona che hai accanto, perché i bravi maestri si nascondono e si ritraggono, e tocca a te trovarli. Perciò chissà, mi dico, se il mio prossimo maestro è il fumatore d'hashish o la ragazza dai tratti sherpa che mi sta versando il tè. Sono un po' dispiaciuto stasera, perché so che scendendo la nitidezza scomparirà. Vorrei trattenerla, ma la sto già perdendo. Domani saluterò la neve e mi avvierò di nuovo verso il bosco. Le cose torneranno a farsi confuse. Ma per adesso, per adesso, sto seduto a un lungo tavolo di legno e mi scaldo le mani con l'ultima tazza di tè della giornata. Vorrei una stufa. Vorrei sapere che cosa si dicono i portatori là nella baracca. Mi pare d'essere nel centro esatto del mondo. Sollevo la tazza di ferro e ci guardo dentro, e mi chiedo che cosa sia questo mio sentirmi a casa.

(ringrazio la mia amica Vincenza per le foto)


6 commenti:

  1. Ci speravo tanto che raccontassi qualcosa del viaggio, è un bellissimo regalo questo, grazie.

    RispondiElimina
  2. «Io credo sia per questo che vado in montagna. È proprio come il bosco che si dirada, la gente intorno che scompare, l'aria che perde i profumi d'erbe e sa ormai solo di roccia e neve: anche il pensiero diventa una cosa rarefatta e pulita.»

    Un abbraccio.
    M.

    RispondiElimina
  3. L'alta montagna, una grande città di solitudine, una corsa, un ritmo tribale, abbracci appassionati...qualsiasi cosa pur di far star zitti i pensieri, calmare l'anima e ritrovarsi a casa.
    Grazie di cuore Paolo

    RispondiElimina
  4. Paolo esploratore dell'anima viva viva

    RispondiElimina
  5. salve sono nuova di questo forum/blog vorrei sapere in quale libro trovo tutte queste letture. rispondete per favore. Grazie.

    RispondiElimina