mercoledì 20 febbraio 2013

UN BAMBINO COME NOI


   (Per tutti i bambini di quinta della scuola primaria Alessandro Volta di Lomagna, per le loro maestre e in particolare per Sandra. Il "libro di un altro scrittore" era un racconto di Hemingway, Campo indiano. Spero che adesso Ernest non venga fin qui per darmi un pugno sul muso. Grazie ragazzi, non lo dimenticherò.)

12 commenti:

  1. Questo è il miglior riconoscimento che uno scrittore possa sognare..
    "Pensavo fosse più serio invece ci risponde come se fosse un bambino come noi"
    è bellissimo :)



    RispondiElimina
  2. Sì, davvero emozionante leggere attraverso quella grafia incerta (meglio della mia senz'altro)dichiarazioni così spontanee di ammirazione.
    Evviva, lo scrittore batte la televisione 2-0.

    RispondiElimina
  3. Mi sono quasi commossa io, da lettrice... non oso immaginare te a leggere i commenti di questi bambini :)

    RispondiElimina
  4. "ti pensavo con la testa tra le nuvole"
    bellezza.

    RispondiElimina
  5. che bello!
    vuoi andare alle scuole dei miei figli?

    RispondiElimina
  6. Sei effettivamente una persona gentile.

    RispondiElimina
  7. bellissimo e commovente..."il mondo è un bel posto".

    RispondiElimina
  8. cerca di fare molti libri.Ottimo consiglio!

    RispondiElimina
  9. che tenerezza :)

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. Faccio la maestra e di storie così ne potrei raccontare mille...oggi disegnavamo delle letterine riprendendo una vecchia ninna nanna e ad un certo punto ho esclamato "Bellina questa P: è proprio un amore!". Una bambina di 6 anni "Come hai detto maestra?" e io "Ho detto che è venuta benissimo: brava!" e lei "No maestra, hai detto che è venuta un amore...anche te sei un amore!" <3

    RispondiElimina